Seleziona una pagina
Aspal, la sede di Cagliari: stop isolamento, dal pallone la sfida di Rigenerazione

Scritto da Federico Spano

21 Gennaio 2021

di Stefano Ambu

Una piattaforma sperimentale per affrontare da subito il Covid ed essere pronti- anche nella pandemia che porta paura e disoccupazione- a dare le risposte a chi cerca di orientarsi nel labirinto del mondo del lavoro. E iniziative che si trasferiscono online per adattare le potenzialità di chi si rivolge agli sportelli alle nuove esigenze del mercato in (brutta) compagnia del coronavirus. Anche il centro dell’impiego Aspal di Cagliari in prima linea per trovare sbocchi e soluzioni a una crisi che c’era già e che sta esplodendo soprattutto nei settori del turismo e della ristorazione. In trincea l’Aspal c’è sempre stata visto che il centro per l’impiego a Cagliari è a Sant’Elia, quartiere difficile non solo per l’emergenza occupazione. Ma con una speranza che si chiama Rigenerazione e che passa attraverso il mondo del pallone: potrebbe essere un calcio alla disoccupazione e all’isolamento del quartiere. Tutto è legato al progetto di realizzazione del nuovo stadio che porta con sè anche un piano di rilancio e di riconnessione al resto della città del bellissimo quartiere affacciato sul mare. Lo smart center è entrato in funzione da subito. «È – spiega il coordinatore del Cpi di Cagliari Gavino Iosetto Marras (nella foto) – uno strumento che consente di mantenere i contatti tra il personale in considerazione del fatto che si può lavorare in smart working e in presenza. Consente anche di scambiare documenti. Un test perfettamente riuscito». Per i rapporti con gli utenti ha sempre funzionato il centro prenotazioni (070 7593700). Un servizio fondamentale per chi non può o non riesce a usare web e applicazioni per colloqui a distanza. Ma la maggior parte delle attività va online. «In particolare ci piace sottolineare Rigenerazione, in collaborazione con la Fondazione Giulini e il Cagliari calcio. Non è un progetto solo di rigenerazione urbana, ma prevede anche un investimento per recuperare la marginalità sociale. Operiamo nel quartiere di Sant’Elia e siamo molto vicini alla realtà del quartiere. Abbiamo un incubatore di progettualità per capire le possibilità di sviluppo di progetti imprenditoriali. I destinatari solo giovani ai quali spieghiamo come un’idea può trasformarsi in qualcosa di concreto». Covid pericoloso anche per i posti di lavoro. «Noi ci attiviamo con i nostri job account, andando sul territorio direttamente dalle imprese che hanno, loro stesse, problemi di sopravvivenza: pensiamo al settore del turismo». Tra i seminari proposti anche uno dal titolo emblematico: «Come trovare lavoro ai tempi del Covid». La sfida è quella dell’incrocio tra richieste e le competenze. L’esame dei dati a disposizione è uno dei temi principali. Per certe occupazioni c’è sempre il paradosso delle aziende che non trovano candidati con il curriculum giusto. «Per questo- spiega il coordinatore- è fondamentale il rapporto con le scuole: va bene la passione, ma sapere che cosa chiede il mercato può essere determinante per il futuro dei ragazzi».

La Nuova@Scuola? Un progetto di formazione. Un progetto di informazione. Un progetto di comunicazione.

Oltre 60 istituti superiori dell’Isola. Trenta partner (Enti, Istituzioni e aziende private leader di settore). Momenti di incontro e confronto fra mondo della scuola e mondo del lavoro fra webinar e seminari, attività redazionale e site visit, incontri in presenza e opportunità  per i ragazzi di cimentarsi con lo scrivere giornalistico in spazi immaginati ad hoc fra giornale cartaceo, canali appositamente creati e social. La collaborazione con Aspal è il valore aggiunto. Le quattro precedenti edizioni dell’iniziativa la certezza che la strada è quella giusta.

Siete un istituto superiore dell’Isola? Siete un’Ente, un’Istituzione o un’azienda operante nell’Isola (e non solo)? Volete partecipare al progetto? Contattateci all’email lanuovascuola@lanuovasardegna.it: siamo a disposizione per darvi tutte le informazioni possibili e raccontarvi la nostra fantastica esperienza.

Ultime news

Grazie Mamma, ogni giorno è la tua festa

Grazie Mamma, ogni giorno è la tua festa

Cara mamma, è difficile scriverti una lettera, perché è difficile riuscire anche solo ad immaginarti lontana da me, lontana anche solo il tanto da non potermi stringere la mano quando sono nervosa, da non riuscire a vedere il tuo sorriso quando ho bisogno di te o da...