Seleziona una pagina
Gli anni peggiori della nostra vita, per colpa della pandemia e della DAD

Scritto da Elena Pisanu

8 Maggio 2021

Dopo qualche settimana di zona bianca ci siamo trovati davanti un grande ostacolo, la zona rossa e adesso l’arancione che per noi ragazzi è un susseguirsi di eventi che condizionano la nostra vita, prima tra tutte la DAD. Ricorderemo questo anno scolastico che sta per finire soprattutto per la DAD che per noi è davvero una difficoltà, non solo per lo studio ma anche a livello sociale. Se per una buona parte di lezione a scuola si riusciva a tenere viva la concentrazione e l’interazione, in DAD tutto si complica. Le lezioni sono più faticose, le verifiche più complicate e le interrogazioni orali ingestibili. Vedo tanta insoddisfazione tra i miei coetanei, tutto risulta più difficile nonostante i pregiudizi degli altri ovvero che fare DAD sia una passeggiata, al contrario invece la resa risulta essere inferiore rispetto a quella di prima, questo crea in noi tanta frustrazione.

Ci troviamo in questa situazione ormai da più di un anno e nonostante questo ancora non siamo riusciti a farci l’abitudine. Ogni giorno che passa ci troviamo sempre più persi, senza certezze e senza aspettative. Credo che questo periodo abbia tormentato in primis noi ragazzi, questa pandemia ci ha sottratto “gli anni” migliori della nostra vita e non smetterò mai di ripeterlo. Capisco che ognuno di noi abbia il proprio carattere, abitudini e priorità quindi forse per alcuni non è stato poi così drammatico stare a casa per così tanto tempo, ma sono sicura che la solitudine abbia colpito anche loro. Presumo che quando tutto questo finirà e potremmo finalmente tornare alla normalità, saremo stanchi di ripartire con la nostra routine quotidiana e vorremmo sicuramente prenderci una pausa da tutto. Questo perché l’uomo per natura desidera tanto qualcosa finché non la ottiene, dopo averla ottenuta rimane comunque insoddisfatto. Il desiderio è un concetto veramente ampio ma sappiamo che è il seme del nostro futuro, è un istinto primordiale, ed è necessario cercare di concretizzarlo per poter capire cosa si vuole dalla propria vita affrontando diversi ostacoli.  Sono certa che il desiderio più grande di ognuno di noi sia la fine di tutto questo e quando accadrà avremo l’impressione di esserci risvegliati da un brutto sogno.

La Nuova@Scuola? Un progetto di formazione. Un progetto di informazione. Un progetto di comunicazione.

Oltre 60 istituti superiori dell’Isola. Trenta partner (Enti, Istituzioni e aziende private leader di settore). Momenti di incontro e confronto fra mondo della scuola e mondo del lavoro fra webinar e seminari, attività redazionale e site visit, incontri in presenza e opportunità  per i ragazzi di cimentarsi con lo scrivere giornalistico in spazi immaginati ad hoc fra giornale cartaceo, canali appositamente creati e social. La collaborazione con Aspal è il valore aggiunto. Le quattro precedenti edizioni dell’iniziativa la certezza che la strada è quella giusta.

Siete un istituto superiore dell’Isola? Siete un’Ente, un’Istituzione o un’azienda operante nell’Isola (e non solo)? Volete partecipare al progetto? Contattateci all’email lanuovascuola@lanuovasardegna.it: siamo a disposizione per darvi tutte le informazioni possibili e raccontarvi la nostra fantastica esperienza.

Ultime news

Grazie Mamma, ogni giorno è la tua festa

Grazie Mamma, ogni giorno è la tua festa

Cara mamma, è difficile scriverti una lettera, perché è difficile riuscire anche solo ad immaginarti lontana da me, lontana anche solo il tanto da non potermi stringere la mano quando sono nervosa, da non riuscire a vedere il tuo sorriso quando ho bisogno di te o da...