Seleziona una pagina
Bulli e numeri primi, aiutiamoli a uscire dal branco

Scritto da Luisa Spanu

9 Maggio 2021

C’è un bullismo manifesto, eclatante e roboante che tiene banco nella cronaca di tutti i giorni. Violenze fisiche e verbali, persecuzioni via web, pestaggi e appostamenti di gruppo, o meglio di branco, dinanzi ai quali non si può, evidentemente, restare indifferenti. La deprecazione, la condanna, il biasimo dinanzi a tali nefandezze e vigliaccherie nascono spontanee, anche se raramente portano a soluzioni incoraggianti e risolutive.

Ma esiste anche un bullismo strisciante, subdolo, meschino e meno appariscente. E’ quello dei leader bulli, che vorrebbero dettare la linea in classe. Vorrebbero stabilire chi è cool e chi è fuori tempo, vorrebbero decidere chi merita di essere valorizzato e chi no, vorrebbero sostanzialmente stabilire con chi bisogna stare e chi si deve escludere. In tal senso il nostro ruolo di educatori è indispensabile. Sul nostro livello di autorevolezza, di affidabilità e di accoglienza si gioca questa sfida così importante.
A distanza di almeno dieci anni, ho rivisto e sentito con piacere in un programma televisivo Paolo Giordano, scrittore, scienziato e fisico. Un “numero primo”, per parafrasare in parte il titolo del suo romanzo d’esordio “La solitudine dei numeri primi”. Bisognerebbe, seppur siano passati diversi anni dalla pubblicazione del romanzo e tante cose siano cambiate, farlo leggere ancora ai nostri giovani studenti. Se, dopo averlo letto, anche uno solo dei tanti numeri primi, che affollano le nostre aule, dovesse sentirsi meno solo, avremmo raggiunto un gran bel risultato.

La Nuova@Scuola? Un progetto di formazione. Un progetto di informazione. Un progetto di comunicazione.

Oltre 60 istituti superiori dell’Isola. Trenta partner (Enti, Istituzioni e aziende private leader di settore). Momenti di incontro e confronto fra mondo della scuola e mondo del lavoro fra webinar e seminari, attività redazionale e site visit, incontri in presenza e opportunità  per i ragazzi di cimentarsi con lo scrivere giornalistico in spazi immaginati ad hoc fra giornale cartaceo, canali appositamente creati e social. La collaborazione con Aspal è il valore aggiunto. Le quattro precedenti edizioni dell’iniziativa la certezza che la strada è quella giusta.

Siete un istituto superiore dell’Isola? Siete un’Ente, un’Istituzione o un’azienda operante nell’Isola (e non solo)? Volete partecipare al progetto? Contattateci all’email lanuovascuola@lanuovasardegna.it: siamo a disposizione per darvi tutte le informazioni possibili e raccontarvi la nostra fantastica esperienza.

Ultime news

Grazie Mamma, ogni giorno è la tua festa

Grazie Mamma, ogni giorno è la tua festa

Cara mamma, è difficile scriverti una lettera, perché è difficile riuscire anche solo ad immaginarti lontana da me, lontana anche solo il tanto da non potermi stringere la mano quando sono nervosa, da non riuscire a vedere il tuo sorriso quando ho bisogno di te o da...